domenica 21 novembre 2010

WEEK END TRAILER EXTRAVAGANZA

THE MECHANIC di Simon West, 2011

Simon West, che ci piace ricordare per Con Air e nient'altro, dato che da lì in poi la sua carriera è stata tutta un'amarezza (tra l'altro pure Con Air l'ho visto a sedici anni e non son troppo sicuro che rivedendolo mi gaserebbe ancora, maledetta vecchiaia) dirige quel gran manzo di Jason Statham (santo subito!) nel ruolo che fu di Charles "Faccia di Cuoio" Bronson nell'omonimo film del '72. Immagino l'ansia del povero Jason per il confronto con una simile icona ma tanto lui è un duro e non si scompone, a dargli una mano c'è quella simpatica faccia da schiaffi di Ben Foster, il papà di Jack Bauer e il cattivo che viene portato via dalle ombre (cosa che da piccolo un po' m'inquietava) di Ghost che però non è accreditato quindi magari gli tagliano la parte. Nonostante la musica schifosissima  pare fico, c'è anche una macchina che entra dentro un autobus.



THE WARRIOR'S WAY di Sngmoo Lee, 2010

Tamarrata senza se e senza ma questo The Warrior's Way è una produzione americana affidata alle sapienti mani di Sngmoo Lee (chiii?) regista coreano di cui nessuno ha mai sentito parlare. La commistione western/ninja sulla carta non pare proprio delle migliori ma il trailer ha quel non so che di caciara ignorante, tra ninja che volano, cowboy che sparano, spadate, Kate Bosworth (che nemmeno mi fa impazzire ma di certo non butterei) e green screen alla Casshern come non ci fosse un fottuto domani che tutto sommato potrebbe essere divertente, come anche una poverata unica.



RED RIDING HOOD di Catherine Hardwicke

La Hardwicke era pure partita bene con un paio di film nemmeno malaccio poi ha deciso di gettare la carriera alle ortiche associando il proprio nome a quella zozzeria di Twilight, come anche questo trailer non manca di farci notare. Giudicare un film dal trailer pare brutto e insensato ma io me ne fotto e dico che la cosa che fa più paura è il robertpattisonwannabe al minuto 1.23, per il resto pare uno spin-off di questo che, tutto sommato, forse regalava qualche brivido in più. Bisogna però ammettere che nel reparto topa la cara vacchia Catherine ha sempre regalato grandi emozioni, da Evan Rachel Wood passando per Laura Ramsey e Kristen Stewart a sto giro ha deciso di giocare davvero pesante sfoderando nientemeno che Amanda Seyfried (ti amo) che è riuscita ad annichilire pure quella stronzetta di Megan Fox in quella mezza boiata di Jennyfer's Body. Resta da chiedersi cosa diavolo passi per la testa di Gary Oldman quando accetta copioni come questo. Perchè Gary?



David Gordon Green ha esordito nel 2000 con quella piccola perla di George Washington, ha proseguito con un altro paio di film indipendenti poi a quanto pare ha capito che con quella roba da intellettuali con gli occhiali non ci faceva un soldo e siccome il mutuo non si paga da solo ha deciso di svoltare saltando sul carrozzone di Jude Apatow e della sua maniera sgarbatissima di fare commedia. Nel 2008 gira così Pineapple Express, (sarcasm on) da noi tradotto in maniera letterale Strafumati (sarcasm off), una manciata di episodi di quella genialata di Eastbound & Down (che se non l'avete visto siete dei poveretti) e questo Your Highness che già mi fa ridere. Ci sono pure James Franco che è tanto bello e anche se fa lo scemo ha appena scritto un libro quindi è intelligente, Danny McBride che è un po' meno bello però fa riderissimo (ed è pure il produttore e lo sceneggiatore) e poi Zooey Deschanel che con quegli occhi lì può fare tutto quello che le pare e ha un marito che lèvati e Natalie Portman che io amo tantissimo perchè è una stronzetta vegana e ci fa pure vedere il suo bel culetto.



GREEN LANTERN di Martin Campbell, 2011

Lanterna Verde è uno dei pochi supereroi che non mi sono mai cagato, non che sia una discriminante, pur non conoscendo il personaggio ci si può benissimo divertire con il film, non fosse altro che per divertirsi con il film il film dev'essere divertente, questo pare una porcata e sfoggia pure la peggior CGI dai tempi di Wolverine - mioddiodatemideiferridacalzachemicavogliocchi - Origins, una poverata unica. Reynolds non mi sta nemmeno troppo antipatico sebbene non possa perdonargli il fatto di dormire al fianco di Scarlett Johansson e in ogni caso l'abbiamo capito che ha la fisicata, non c'è bisogno di fargli togliere la maglietta ogni due minuti. Comunque gli occhi troppo ravvicinati sono sinonimo di ritardo mentale, tiè! Poi dai, Blake Lively che pilota un F22 Raptor anche no, cazz'è, vabbè che siamo nel campo della fantascienza ma qui mi pare si stia esagerando.



Se prima avete pensato "ninja nel west che cazzata", beh preparate i sali perchè questo potrebbe stendervi:

COWBOYS & ALIENS di Jon Favreau, 2011

Come suggerisce il sibillino titolo qua ci sono cowboys che se la  vedono con degli alieni, praticamente il peggior accostamento dai tempi di... mmm... non mi viene in mente niente, forse dei vichinghi con gli alieni.
Gli effetti speciali sembrano essere una bomba e ci sono Olivia Wilde, Daniel Craig, Indiana Jones (o forse vista l'aria che tira Han Solo) Sam Rockwell e Olivia Wilde che sembrano prendersi parecchio sul serio nonostante si parli di cowboys che sparano agli alieni, è prodotto da Spielberg quindi da quel lato siamo a posto però cowboy e alieni? Seriously? Il 2011 pare sarà l'anno del "facciamo un western buttandoci dentro roba accaso" e di questo passo entro la fine dell'anno ci sarà un film con cowboys che cavalcano dinosauri (che spero facciano sceneggiare a Lansdale) e in caso lo facciano rivendico l'idea, siete tutti testimoni, che ho appena visto The Social Network e sono pronto a citare in giudizio pure mia madre. 
Se non altro c'è Olivia Wilde.



THE GREEN HORNET di Michel Gondry, 2011

The Green Hornet è il nuovo film di Gondry e francamente spero abbia preso una valanga di soldi per girare 'sta roba, anzi spero che i produttori gli abbiano consegnato una valigetta piena di denaro perchè lui gli concedesse di utilizzare il suo nome mentre se ne stava a bordo piscina a sorseggiare coctails e loro facevano girare il film a un mestierante random perchè francamente di Gondry qua pare esserci davvero poco. Lasciamo pur stare il fatto abbiano dato la parte che lanciò in occidente Bruce Lee ad un cantante neomelodico taiwanese buono per tutte le stagioni che è già tanto non si sia impiccato con i cavi, anzi, non lasciamo stare. A Rogen voglio anche bene e mi fa tanta simpatia ma francamente qua pare esserci stampato EPIC FAIL in ogni fotogramma. C'è pure quella protomilf ormai buona per il brodo della Diaz. Appunto.



SOURCE CODE di Duncan Jones, 2011

Nuovo film di Jones che per essere il figlio di David Bowie e aver girato quella perla di Moon ha infiniti crediti da riscuotere con il sottoscritto. Spero non cali le braghe alle lusinghe di hollywood e oltre alle esplosioni e ai tricche tracche ci metta una storia degna dei miei otto euro, io nel ragazzo ho fiducia e da quel che si vede potrebbe essere una bella bombetta. In effetti son già schiavo dell'hype e per di più con Michelle Monaghan (che iddio la benedica) e Vera Farmiga (che ancora sto male quando penso a lei in The Departed) ci sono già ottimi presupposti. Ah beh c'è pure Jake Gyllenhaal a cui si vuol sempre bene nonostante debba farsi perdonare quella roba inutile di Prince of Persia. Duncan io al cinema a vederlo ci vengo, poi però sbrigati a finire la trilogia di Moon eh!



Nessun commento:

Posta un commento