domenica 27 febbraio 2011

WEEK END TRAILER EXTRAVAGANZA #13

BORIS IL FILM di Giacomo Ciarrapico, Mattia Torre, Luca Vendruscolo, 2011

Beh, qui mi sa ci sia ben poco d'aggiungere, chi sa è già in fregola, chi non sa, è il caso si vada a recuperare la serie che è la miglior cosa prodotta in Italia da non so nemmeno quanto cazzo di tempo. Film italiano dell'anno, con buona pace di tutti gli altri. Dai, dai, dai!



HABEMUS PAPAM di Nanni Moretti, 2011

Moretti è un po' che non lo frequento, come regista dal '98, davanti la macchina da presa con Caos Calmo che, insomma, non è che m'avesse fatto proprio impazzire (non a causa sua eh!). Quindi son contento di questo suo ritorno, l'inizio di primavera si preannuncia parecchio interessante.



HESHER di Spencer Susser, 2010

Primo film di Sussier, scritto a quattro mani con l'australiano David Michôd, quello della bomba Animal Kingdom, cosa che già di per sè m'attizza, aggiungiamoci poi, Natalie Portman (che è inutile le mettiate gli occhiali da sfigaz, si vede lo stesso che è scesa dalla luna) Joseph Gordon-Levitt, presente? Quello che s'arrampica come un ragno tutto matto nel corridoio dell'albergo in Inception (anche se magari quella sequenza non l'avete vista perchè v'è esplosa la testa come al sottoscritto) e che mi sta molto simpa per questa cosa che ha messo in piedi, qui nei panni di un metalluso capellone matto come un cavallo, mettici Rainn Wilson, mettici il disagio e la ricetta per l'hype è bella e pronta. No, dico, ma l'avete visto com'è scritto il titolo? E il teaser poster? E la locandina? HORNS UP, PEDAL TO THE METAL \m/



Qui una clip dove il metal fa brutto e vince contro la borghesia.



MARS NEEDS MOMS di Simon Wells, 2011

Ne avevo mio malgrado già scritto e non è che la mia opinione sia cambiata, il performance capture mi fa sempre vomitare e m'inquieta un po', in più han pensato di mettere nel nuovo trailer una canzone che definire abominevole è un complimento. Ma io mi chiedo, Hollywood, con tutti i problemi che ci sono nel mondo, è il caso di spendere carriolate di dollari per produrre questa roba? Non è che voglia farti i conti in tasca eh, sia chiaro, e nemmeno farti la morale, ma Africa needs food, e coi soldi spesi per sta merdata sai quanto gliene potevi comprare? Vergognati.



SUCKER PUNCH di Zack Snyder, 2011

Ok, non ho di certo fatto mistero delle mie perplessità nei confronti di quest'ultima fatica del buon Zack, devo dire però che probabilmente con questo nuovo trailer ho finalmente aperto gli occhi. Ho capito che la dimensione più congeniale a un'opera come questa è quella del videoclip, e a quanto pare l'ha capito anche il buon Zack, infatti questo trailer è un videoclip di 1,26" e l'effetto è potentissimo. Non c'è uno straccio di dialogo, roba che con tutta probabilità sarà materiale per gente con danni al cervello, e la faccenda ne giova parecchio. Se Zack mantiene questo altissimo livello di caciara per tutto il film, potrebbe portare a casa il risultato. Bella Zack, finora non m'hai mai deluso (a parte i gufi che, per quanto animali simpaticissimi, non ho visto, non me ne volere), mi fido.


A BETTER LIFE di Chris Weitz, 2011

Weitz non è che sia proprio il mio regista preferito. Anche prima di firmare il secondo capitolo della saga di vampiri più scarsa della storia del vampirismo, della storia del Cinema e della Storia in generale, non è che lo stimassi troppo, anche se, c'è da dire, About a Boy m'era, ai tempi, abbastanza garbato. Essendo il suo film meno merdoso, la produzione ha pensato bene di spingere sul tasto del "from the director of About a Boy", dal trailer pare sia una sorta di Ladri di biciclette riaggiornato al 2011 con L.A. al posto di Roma e un giardiniere ispanico al posto di un attacchino, in più qui ci son le gang di tatuati incazzerecci ma l'amarezza pare sia la stessa. Un film della presa ammale che potrebbe anche avere qualcosa d'interessante da dire, come potrebbe anche finire nel palinsasto di Canale 5 tra un film di Rosamunde Pilcher e l'altro.




RIO di Carlos Saldanha, 2011
Rispetto al Superbowl teaser andiamo già meglio, ma il fatto che il trailer duri 2.46" ma mi siano sembrati 246 anni, non è che sia proprio un punto a favore del film.



SOURCE CODE di Duncan Jones, 2011

Dopo un primo assaggio e una clip ormai Duncan m'ha messo addosso un hype incontenibile e questo nuovo trailer (che in realtà è una versione condensata di quello di novembre) mi fa pisciare addosso dalla libidine. Un po' Terry Gilliam, un po' tamarrate alla Michael Bay (speriamo ci sia molto più del primo che del secondo, a me, saranno tutti quegli schermoni, viene un sacco in mente Brazil) io so solo che mi sta esplodento la fottuta testa. E poi, non vorrei ripetermi, ma Michelle Monaghan!



MEEK'S CUTOFF di Kelly Reichardt, 2011

In caso non abbiate visto lo splendido Wendy and Lucy, non siamo più amici. Questo è il nuovo film della regista di quella piccola perla indipendente e son pronto a scommettere sarà una bella bombetta. Già il poster, illustrato da Marlene McCarty, è da bava alla bocca, la presenza nel cast di Michelle Williams, Paul "I am a false prophet! God is a superstition!" Dano e l'atmosfera rarefatta di questo trailer mi fanno davvero sperare per il meglio. Lo si aspetta battendo le manine.



BAD TEACHER di Jake Kasdan, 2011

Se c'è un'attrice con la quale il tempo non è stato per nulla clemente è Cameron Diaz, passata da topa fotonica in The Mask ad avere una faccia che sui viali ho visto travestiti dai lineamenti più delicati. Aggiungiamoci poi che la gran parte dei film da lei interpretati sono roba da idromerda istantanea, con un picco ineguagliabile in questa infame sequenza (praticamente l'equivalente americano della Marcuzzi alle prese con il würstel, amarezza senza fine), non è che sia proprio tra le mie preferite. Nel complesso però questo trailer non pare malaccio, Kasdan è figlio nientemeno che dell'autore degli screenplay de L'Impero colpisce ancora (mica cazzi) e I predatori dell'arca perduta (e regista de Il grande freddo eh!) e Orange County, ai tempi, non m'era nemmeno dispiaciuto, ad arginare quella stronzetta della Diaz poi, ci sono Justino e Marshall Erik... ehm, Jason Segel, che io mi sa che quasi quasi me lo vedrò solo grazie a lui.



BONUS:

PAUL di Greg Mottola, 2011

Red Band trailer di uno dei film più attesi dal sottoscritto, ne avevo già scritto e qui si pesta sul pedale della scorrettezza sgarbata, e io non chiedo niente di meglio! 



TRANSFORMERS: DARK OF THE MOON di Michael Bay, 2011

Nuovo teaser sparato fuori durante il campionato Nascar dell'altra sera, a parte un paio di sequenze è parecchio simile a quello sparato fuori durante il Superbowl, purtroppo non c'è la musica inquietante, ma io ve lo faccio vedere lo stesso.



THE HANGOVER PART II di Todd Phillips, 2011

Teaser del secondo capitolo della commedia americana più osannata degli ultimi anni che io ehm, coff coff, non ho ancora visto. 



KARATE ROBO ZABORGAR di Noboru Iguchi, 2011

Il regista di Machine Girl e Robo-geisha torna con quella che pare sarà una perla che mi fa quasi piangere dalla gioia così, sulla fiducia.



A CHINESE FAIRY TALE di Wilson Yip, 2011

Un paio di teaser dell'ultima fatica di Yip, film tratto da una storia breve di Pu Songling, robe di fantasmi che se la svolazzano tutti matti.




BATTLE: LOS ANGELES di Jonathan Liebesman, 2011

Nuovo teaser e un paio di clip, ormai ho già detto tutto quel che c'era da dire, aspetto solo esca. Cazzo.



Nessun commento:

Posta un commento