giovedì 26 gennaio 2012

LIFE OF POSSIBILITIES

ANOTHER EARTH di Mike Cahill, 2011

Nell'opera prima di Cahill, fieramente indipendente sotto ogni aspetto - egli stesso ha curato scrittura, a quattro mani con la protagonista Brit Marling, fotografia, regia e montaggio - e vincitrice del Sundace 2011, la fantascienza, come spesso accade nei più fortunati esperimenti di genere, è un pretesto per sondare i più oscuri recessi dell'animo umano. Con una messa in scena senza troppi fronzoli, scarna, improntata al realismo e con pochi effetti speciali totalmente funzionali alla trama ma capaci di emozionare in maniera potente nonostante la ristrettezza del budget, il giovane regista, con un backgroung da documentarista che traspare appieno nel suo approccio naturalistico, mette in campo temi probabilmente non troppo originali ed abusati, il rimpianto, la perdita, la possibilità di rimediare ai propri errori e la ricerca disperata di una seconda possibilità, inquadrandoli però con una lente diversa. Come del resto lo è l'ambientazione periferica, trasversale e molto lontana da scenari tipicamente hollywoodiani, tutti elementi capaci di imprimere alla vicenda una prospettiva in grado di colpire ed emozionare con semplicità e delicatezza, grazie soprattutto al grande lavoro d'introspezione psicologica fatto sui personaggi. Ed è infatti al talento dei due protagonisti che si deve gran parte della buona riuscita del film, William Mapother (poliedrico caratterista famoso per esser stato l'Ethan di Lost) ma soprattutto la Marling, regalano un'ottima prova nel tratteggiare in maniera sommessa, senza calcare la mano ma raggiungendo una toccante profondità, due esistenze dolenti, vissute ai margini a causa dell'imponderabile peso degli eventi. Another Earth è un "piccolo" film che grazie ad un'idea di partenza accattivante quanto semplice riesce a conquistare e coinvolgere il pubblico, portandolo per mano attraverso un percorso doloroso ma necessario che si snoda con sensibilità e poesia fino ad uno di quei finali che si insinuano nella testa dello spettatore per giorni e giorni.

1 commento:

  1. È possibile ascoltare la musica del film Un'altra Terra (la scena sega musicale) su del compositore sito web: http://www.scottmunsonmusic.com/news/music-in-film-another-earth-soundtrack/

    RispondiElimina